Gi Group a Milano: superare il colloquio con Gi Group

Tempo di lettura stimato: 9 minuti

Gi Group è tra le prime agenzie per il lavoro in Italia, opera in diverse città italiane, tra cui Milano. Nel nostro paese è presente con oltre 200 filiali sparse a livello capillare su tutto il territorio nazionale.

Gi Group è stata fondata nel 1998 in Italia, da Stefano Colli Lanzi e al giorno d’oggi conta tra i più alti livelli di fatturato nel settore delle agenzie per il lavoro.

Nell’articolo vi spiegheremo chi è Gi Group, cosa fanno le filiali di quest’agenzia per il lavoro e come superare un colloquio con i recruiter di Gi Group a Milano.

A Milano, Gi Group è presente con molte filiali. Ecco l’elenco delle principali filiali milanesi di Gi Group:

  • Milano Industrial, Via Cassala 55. Telefono: 02/39257585
  • Milano Jenner, Via 53. Telefono: 02/66719182
gi group milano
Vedi anche: Come superare un colloquio di lavoro con la tecnica STAR

1. Cos’è un’agenzia per il lavoro?

Le agenzie per il lavoro, tra le quali Gi Group a Milano, sono società che si occupano di somministrazione, ricerca e selezione del personale, formazione e attività di supporto per la ricollocazione professionale.

Spesso molti candidati si rivolgono ad un’agenzia per il lavoro senza conoscerne bene il funzionamento. Molti fanno ancora confusione con quelle che un tempo chiamavano “agenzie interinali” e non sanno bene cosa aspettarsi nel rivolgersi a loro.

Vediamo di fare chiarezza di cos’è un’agenzia del lavoro come Gi Group, molto presente a Milano, e di come funziona.

Il loro lavoro si svolge su due fronti: da un lato le aziende e dall’altro i lavoratori. Nel primo caso le aziende si rivolgono ad un’agenzia per il lavoro, come Gi Group a Milano, per chiedere consulenza o supporto per una necessità di personale.

Nel secondo caso i candidati possono rivolgersi a Gi Group, nelle sedi di Milano, senza alcun costo. Tutti i servizi a loro rivolti sono pagati dalle aziende committenti al momento dell’assunzione. Ai candidati l’agenzia per il lavoro offre servizi quali formazione, orientamento e, ovviamente, supporto nella ricollocazione e nell’inserimento professionale.

gi group milano

Vedi anche: Che domande fare ad un colloquio conoscitivo?

2. Come superare un colloquio con Gi Group a Milano?

Nelle sue sedi di Milano, Gi Group si occupa di soddisfare le esigenze dei clienti committenti. In sostanza, se un’azienda ha bisogno di personale si rivolge alle filiali Gi Group di Milano per cercare candidati ideali per coprire le posizioni vacanti.

Se devi affrontare un colloquio di lavoro con Gi Group, ecco una lista di consigli per affrontarlo al meglio:

  • Fai delle ricerche: prima di un colloquio di lavoro è sempre utilissimo fare delle ricerche sull’azienda che dovrai incontrare. Nove volte su dieci, durante un colloquio con Gi Group, ti verrà chiesto: “Cosa sai della nostra azienda?”. Se avrai fatto le tue ricerche, saprai benissimo cosa rispondere. Altro consiglio fondamentale è quello di creare empatia con il Recruiter. La maggior parte dei selezionatori di Milano di Gi Group hanno una grande esperienza. Assicurati di capire quali sono le loro responsabilità all’interno dell’organizzazione. Creando questo rapporto ti assicurerai che, nonostante quel colloquio specifico possa non essere andato bene, verrai inserito nel database personale del selezionatore per future assunzioni senza ulteriori colloqui.
  • Una motivazione forte: durante un colloquio sfodera la versione migliore di te. Fornisci risposte dirette e concise. I selezionatori di Gi Group amano porre domande situazionali ai candidati, prova a fornire delle risposte con una struttura precisa: inizio, una fase intermedia e la soluzione del problema. Per rispondere alle domande comportamentali con successo vedi il nostro articolo su come rispondere con efficacia con la tecnica STAR.
  • Fai domande: se avrai fatto le opportune ricerche sull’azienda, sull’ambiente lavorativo e sulla posizione per la quale ti sei candidato, non avrai problemi nel porre delle domande al selezionatore di Gi Group. I recruiters amano condurre colloqui dinamici e bilaterali. Fare domande non ti permetterà solo di approfondire meglio l’offerta di lavoro, ma di dimostrare anche il tuo interesse verso la posizione lavorativa.
  • Dopo il colloquio cosa faccio? Follow up: sei stato invitato a colloquio via telefono o via mail. Presupponiamo che tu abbia già l’indirizzo del selezionatore della filiale di Gi Group a Milano che ti ha contattato. Il giorno dopo il colloquio di lavoro ti consigliamo di scrivere una mail di follow up che ti servirà per ringraziare del tempo il selezionatore e di confermargli il tuo interesse verso la posizione aperta.
gi group milano

Vedi anche: Simulazione colloquio di lavoro, allenati con un Coach di Carriera

3. Le domande da colloquio dei recruiter di Gi Group a Milano

Anche se è impossibile predire quali domande potrebbero porti durante un colloquio nelle filiali Gi Group di Milano ce ne sono alcune sulle quali dovresti proprio prepararti. Allenandoti su queste domande e imparando a rispondere con efficacia riuscirai ad impressionare i recruiter.

Ecco una lista delle domande più comuni dei Recruiter Gi Group a Milano:

  • Mi diresti i tuoi punti di forza?
  • Perché pensi di essere il candidato ideale per questa posizione?
  • Dove ti vedi tra 5 anni?
  • Parlami di te
  • Cosa sai della nostra azienda?
  • Perché ti sei candidato per questa posizione?
  • Mi racconteresti il tuo successo più grande?
  • Qual è il lavoro dei tuoi sogni?
  • Perché vuoi cambiare lavoro?
  • Quali sono le tue aspettative di stipendio?
gi group milano

Vedi anche: Career Coach a Milano, come può aiutare la tua carriera?

3.1 Mi diresti i tuoi punti di forza?

Con questa domanda, l’intervistatore di Gi Group a Milano cerca i tuoi punti di forza e cosa potresti offrire per l’azienda di riferimento. Non sprecare il tuo tempo elencando abilità che non sono rilevanti per la posizione.

Piuttosto, riconosci le competenze elencate nella descrizione del lavoro e le competenze rilevanti che possiedi e che ti distinguono dagli altri candidati.

Considera attentamente le tue soft e hard skills per scegliere la risposta perfetta. Dimostralo fornendo esempi delle tue abilità in azione e dei successi ottenuti.

Vedi anche: Recruiter, chi è? Cosa fa? Come diventare selezionatore?

3.2 Perché pensi di essere il candidato ideale per questa posizione?

Piuttosto che spiegare perché vuoi il lavoro, utilizza esempi delle tue capacità ed esperienze per dimostrare come soddisfi i requisiti per il ruolo e dei motivi che ti rendono il candidato ideale.

Quantifica i tuoi risultati dove possibile per enfatizzare i tuoi contributi professionali ed evidenziare qualsiasi altra qualità o esperienza rilevante che possa distinguerti dagli altri candidati.

Un colloquio a Gi Group con Milano è l’occasione perfetta per discutere della tua etica del lavoro e per esemplificare il motivo per cui saresti perfetto per il ruolo e per l’azienda.

Vedi anche: Come affrontare un colloquio di lavoro di successo?

3.3 Dove ti vedi tra 5 anni?

Il tuo intervistatore sa che non puoi prevedere il futuro.

Tuttavia, questa domanda è progettata per intravedere i tuoi obiettivi e le tue aspirazioni professionali. Assicurati di utilizzare la tua risposta per condividere i tuoi piani di sviluppo professionale.

Identifica la posizione in cui vorresti essere al momento e spiega come questo ruolo ti aiuterà nella tua progressione di carriera e come si allinea con le tue passioni.

Non dire all’intervistatore di Gi Group a Milano che il ruolo è un “riempitivo” e astieniti dal parlare della tua vita personale. Concentrati sulle competenze che vorresti sviluppare e sulle responsabilità che sei tendi ad assumerti.

Vedi anche: 10 domande da colloquio di lavoro

3.4 Parlami di te

Il tuo intervistatore non sta cercando di conoscerti a livello personale.

Quando rispondi a questa domanda, considera di preparare una presentazione di te professionale e formativa. Usa questa opportunità per riassumere le tue capacità, esperienze e background formativo.

Spiega il perché stai cercando un nuovo ruolo, che si tratti di sviluppo professionale o di un cambio di carriera, e cosa stai cercando.

Con un Recruite di Gi Group a Milano evita di includere informazioni personali come età, stato civile o opinioni politiche/religiose.

3.5 Cosa sai della nostra azienda?

È qui che entra in gioco la tua ricerca pre-colloquio. Non limitarti a condividere semplici informazioni che hai preso dal sito web della filiale Gi Group di Milano. L’intervistatore sta cercando di vedere se hai fatto i compiti, quindi dai loro quello che vogliono.

Descrivi ciò che hai imparato sull’organizzazione, compresi i valori aziendali, la cultura e ciò che rende l’azienda perfetta per te.

Se sei un cliente o un consumatore, menziona i servizi o i prodotti che hai provato dell’azienda committente (nel caso in cui il recruiter te ne abbia svelato il nome). Sii entusiasta della tua risposta per dimostrare il tuo interesse per la posizione e l’organizzazione.

3.6 Perché ti sei candidato per questa posizione?

Astenersi dal discutere compensi o altre risposte egoistiche. Piuttosto, dimostra il tuo valore all’organizzazione descrivendo cosa puoi portare di tuo all’azienda, come questa opportunità utilizzerà le tue capacità e come la posizione si allinea con i tuoi obiettivi di sviluppo professionale.

Ottieni un vantaggio sul resto dei candidati incorporando le informazioni della tua ricerca sull’organizzazione nella tua risposta al Recruiter di Gi Group a Milano.

Includi motivi come: cultura e valori aziendali, ammirazione per prodotti o servizi, iniziative aziendali ecc. Fare riferimento ai valori del tuo lavoro è un ottimo modo per guidare la tua risposta.

3.7 Mi racconteresti il successo più grande?

È il tuo momento di brillare.

Non aver paura di vantarti un po’ e descrivere un risultato che mostra il raggiungimento di un obiettivo o il duro lavoro.

Sii specifico nel descrivere ciò che è stato raggiunto, perché è stato un risultato significativo e come hai raggiunto questo risultato. Anche se non deve essere rilevante per il tuo lavoro o la tua carriera, sicuramente aiuta.

Scegliere un risultato recente legato alla tua posizione esemplifica la tua motivazione verso lo sviluppo professionale. Se sei alla prima esperienza di lavoro menziona al recruite di Gi Group a Milano un successo raggiunto durante le tue esperienze formative.

3.8 Qual è il lavoro dei tuoi sogni?

Va bene che il lavoro dei tuoi sogni sia diverso dal lavoro per cui ti stai candidando.

In effetti, la descrizione del lavoro dei tuoi sogni dovrebbe identificare come sarebbe l’apice della tua carriera. La tua risposta indicherà se la posizione per la quale ti sei candidato è in linea con le tue aspirazioni di carriera o semplicemente un reddito fino a quando non si presenterà l’opportunità giusta.

Se scegli di descrivere qualcosa al di fuori della tua linea di lavoro, collega i punti per aiutare l’intervistatore a capire le tue motivazioni. Evita qualsiasi cosa non realistica, i recruiter in genere non apprezzano.

3.9 Perché vuoi cambiare lavoro?

Le persone lasciano il lavoro per una serie di motivi. Piuttosto che denigrare i tuoi colleghi, il datore di lavoro o l’organizzazione, cerca di mantenerti positivo e professionale.

Durante il colloquio con il recruiter Gi Group di Milano sposta l’attenzione sulle tue aspirazioni professionali e sulla tua cultura. Considera di includere alcuni dei seguenti motivi nella tua risposta:

  • Desiderio di imparare cose nuove o assumerti maggiori responsabilità
  • Cercare di trasferirti o cambiare carriera, sperando di migliorare il tuo equilibrio tra lavoro e vita privata

L’onestà è importante, ma rivelare qualsiasi negatività nei confronti del tuo attuale datore di lavoro può lasciare una cattiva impressione sul responsabile delle assunzioni.

3.10 Quali sono le tue aspettative di stipendio?

Rispondere a questa domanda può essere intimidatorio.

Se ti aspetti troppo, potresti superare la fascia salariale stabilita dall’azienda e farti perdere il lavoro. D’altra parte, una risposta lowball potrebbe farti perdere entrate.

Prima di affrontare qualsiasi colloquio con un recruiter di Gi Group a Milano, preparati a questa domanda. Assicurati di fare le tue ricerche, fornire una fascia di stipendio ed essere chiaro che sei aperto alla negoziazione quando si tratta di compenso.

career coach
Convididi l'articolo: